Kids_and_sports

L’INFLUENZA DELL’ATTIVITÀ SPORTIVA SULLA SALUTE DELLE OSSA NEI GIOVANI ATLETI

Il picco di massa ossea viene raggiunto durante la seconda e terza decade di vita. L’attività sportiva durante gli anni in cui esso viene acquisito può portare a cambiamenti adattativi che migliorano l’architettura ossea attraverso una maggiore densità e migliorate proprietà geometriche. Una revisione della letteratura che ha valutato l’attività sportiva in giovani atleti, di età tra I 10 e 30 anni, ha rivelato che gli sport ad alto impatto (ad esempio, la ginnastica, corsa ad ostacoli, judo, karate, pallavolo e altri sport di salto) o di impatto irregolare (ad esempio, calcio, basket, giochi con racchetta, step-aerobica, e pattinaggio in velocità) sono associati ad una maggiore composizione minerale ossea e densità minerale ossea (BMD), e una geometria ossea migliore nelle regioni anatomiche specifiche di ogni sport. Gli sport a basso impatto ripetitivi (ad esempio la corsa su lunga distanza) sono associati a cambiamenti favorevoli nella geometria delle ossa. Gli sport senza impatto come il nuoto, pallanuoto, e il ciclismo non sono associati a miglioramenti nella composizione minerale ossea o BMD, e inoltre il nuoto può influenzare negativamente la geometria dell’anca. L’attività sportiva durante la prima fase della pubertà può aumentare la massa ossea. Praticare sport in maniera continuativa e costante sembra mantenere tutti i vantaggi di un maggiore picco di massa ossea, e anche gli atleti che non continuano a praticare sport possono mantenere alcuni benefici derivanti da una maggiore BMD. È stato dimostrato che il ciclismo elite maschile a lungo termine influenza negativamente la salute delle ossa, e la corsa su lunga distanza nelle ragazze adolescenti causa una soppressione della mineralizzazione ossea. In sintesi, giovani uomini e donne che praticano sport ad alto impatto o ad impatto irregolare presentano maggiori benefici riguardante la salute delle ossa. La pratica di sport senza impatto, come il nuoto e il ciclismo, non è associata ad un miglioramento della salute delle ossa.

 

Tradotto da “Influence of Sports Participation on Bone Health in the Young Athlete: A Review of the Literature” di A.S. Tenforde e M. Frederiscson; PM&R 2011 Sep;3(9):861-7

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>